SCIA (Segnalazione Certificata Inizio Attività) per la cessione di materiale sportivo

Molte associazioni e società sportive dilettantistiche oltre all’ordinario esercizio di promozione ed organizzazione di attività a carattere sportivo, intraprendono all’interno della sede sociale delle attività a carattere tipicamente commerciale e da assoggettare a tassazione, al fine di incrementare i proventi conseguiti e poter così contare su maggiori disponibilità per il perseguimento delle proprie finalità sociali.

Tra le attività commerciali più frequentemente poste in essere, unitamente a quelle di carattere promo pubblicitario, vi è la cessione in favore solo dei propri associati di materiale sportivo di vario genere. L’associazione sportiva dilettantistica che intende svolgere stabilmente attività di cessione di materiale sportivo in favore dei propri associati non dovrà richiedere particolari autorizzazioni amministrative ma è tenuta alla presentazione della SCIA (Segnalazione Certificata di Inizio Attività) di cui all’art. 16 D. Lgs. n. 114 del 1998 così come modificato nel 2010.

L’associazione, esercitando un’attività economica accessoria e sussidiaria rispetto a quella istituzionale, deve comunque iscriversi al REA nell’ambito della provincia nella quale esercita l’attività.

In merito al necessario rispetto degli adempimenti di carattere amministrativo di cui sopra si è anche espresso il Ministero dello Sviluppo Economico con una interessante recente risoluzione, la n. 22710 del 18 febbraio 2015 attraverso cui, rispondendo a un preciso quesito posto in proposito da un Comune, conferma la doverosità delle segnalazioni indicate.

» Torna alla Home